Deputato sostiene appello operatori: “In arrivo uno schiaffo all’Abruzzo che comprometterà lo sviluppo del territorio”

RECOVERY PLAN: COLLETTI, PORTUALITÀ ABRUZZO LASCIATA SOLA, NESSUNA RISORSA

Deputato sostiene appello operatori: “In arrivo uno schiaffo all’Abruzzo che comprometterà lo sviluppo del territorio”

 

PESCARA, 27 aprile - “Condivido pienamente l’appello lanciato dalle imprese abruzzesi. C’è il concreto rischio che la nostra Regione riceva solo qualche briciola degli investimenti previsti nel Recovery. Nonostante la maggioranza veda presenti quasi tutti i parlamentari eletti in Abruzzo, stando a quello che si legge nel Piano, sembra che non si sia riusciti ad incidere minimamente sulla stesura. Un fallimento anche del presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, estremamente capace nei proclami e nelle nomine, ma, all’inverso, inconcludente nella programmazione regionale e nella gestione”. Lo afferma il deputato Andrea Colletti (L’Alternativa C’è) a proposito della lettera aperta inviata dagli operatori portuali ai parlamentari abruzzesi, al governatore Marsilio e a diverse Istituzioni, cui si chiede di impegnarsi affinché la portualità abruzzese abbia la sua parte nell’ambito del Recovery Plan.

 

“In passato, anche con una interrogazione parlamentare – sottolinea Colletti – avevo sollevato grosse perplessità sulla precedente bozza del Recovery Plan, in cui erano completamente assenti risorse per l’Abruzzo. In particolare, alla portualità abruzzese, fondamentale non solo per la nostra regione, ma per tutto il centro Italia, non spettava praticamente nulla. La strada, ora, sembra essere la stessa, nonostante tutti avessero criticato quella bozza considerandola irricevibile”.

 

“In questi mesi – prosegue il deputato – abbiamo visto tutti a cosa è interessato Marsilio: le nomine. L’unica cosa che ha fatto per la Zona economica speciale (Zes) è stata adoperarsi per la nomina del commissario, anche lui romano. L’Abruzzo, ormai è chiaro, è terra di conquista per Roma e per parte dei partiti politici, quando la Zes consentirebbe davvero al territorio di fare quel salto di qualità necessario dal punto di vista economico”.

 

“I parlamentari abruzzesi di maggioranza si assumeranno la responsabilità qualora l’Abruzzo non dovesse ricevere adeguate risorse? Se in questa partita decisiva per lo sviluppo economico dei nostri territori e per il futuro dei cittadini non si è capaci di incidere, qual è il ruolo di deputati e senatori? Sostenere un Governo che decide contro gli interessi dei propri elettori? Non voglio essere pessimista e spero di sbagliare, ma credo e temo che stia arrivando un vero e proprio schiaffo che comprometterà il futuro dell’Abruzzo. Fin dall’insediamento mi sono detto contrario a questo Governo. Ora, più che mai – conclude Colletti – sono convinto delle mie posizioni”.


INTERVENTO IN AULA PER IL VOTO CONTRARIO AL RECOVERY PLAN

Ultimamente si è usato ed anzi abusato della parola resilienza. Va di moda e, ovviamente, la si è usata anche per questo piano.
Quando parliamo di cambiamento climatico ad esempio utilizzando il termine resilienza indichiamo che ci accontentiamo di adattarci ad un contesto che muta, mentre invece la politica dovrebbe parlare apertamente di #resistenza. Bisogna lottare e resistere al cambiamento climatico.
Ed è questo uno dei tanti esempi di questo piano dove il Governo si accontenta. Un piano che non parla di come risolvere concretamente i bisogni della popolazione. Parla di prodotto quando invece dovrebbe parlare di benessere. Le persone non sono un prodotto!
Non si parla ad esempio di acqua pubblica, di diritto ad un'aria salubre, di opporsi alla desertificazione, non solo economica, dei territori.
Non hanno avuto neanche il coraggio di prorogare il bonus 110%, sebbene potrebbe essere il volano dell'economia nonché una opportunità per riprogettare il patrimonio edilizio esistente.
Per non parlare del Mezzogiorno, lasciando a sud solo il 40% dei fondi si sta dicendo che rimarrà sempre il fanalino di coda in Europa.
Ed un ultimo appunto bisogna farlo sulla #legalità. Con troppa facilità il piano parla di semplificazione di contratti pubblici e dei controlli antimafia e protocolli di legalità, togliendo la responsabilità erariale a coloro che si macchiano di condotte gravemente colpose e che portano a spreco di risorse pubbliche.
È davvero questo il piano che la maggioranza vuole approvare?
Quello che ci accomuna nella nostra piccola componente politica è sapere ed essere consapevoli che serva una #opposizione sana, costruttiva ma che sappia resistere alle luci della gestione del potere.
Vogliamo dimostrare che c'è un'Alternativa a questo governo, a questa maggioranza ed in questa società. Vogliamo dare voce all'Italia che resiste, quell'Italia che non si arrende e che non vuole adattarsi.
Per questo dichiaro il mio VOTO CONTRARIO al PNRR del Governo.

CAMERA: 'L'ALTERNATIVA C'È' SI PRESENTA, NOI VERA OPPOSIZIONE A GOVERNO DRAGHI

CAMERA: 'L'ALTERNATIVA C'È' SI PRESENTA, NOI VERA OPPOSIZIONE A GOVERNO DRAGHI

Deputati illustrano Manifesto: "Siamo l'alternativa a questo Esecutivo. Nati per autodifesa, ma ancora vincolati a programma elettorale M5S 2018"Leggere di più


CRISI E GIUSTIZIA, LETTERA APERTA DELL'AVVOCATURA ITALIANA AI PARTITI: FATE PRESTO. LA MIA RISPOSTA.

Spett.le OCF,
Egregio Coordinatore Avv. Giovanni Malinconico,
in risposta alla Vostra comunicazione del 26 gennaio u.s., quale deputato promotore di molteplici iniziative legislative inerenti il settore Giustizia, agevolmente reperibili sui canali ufficiali della Camera dei deputati, anche se scarsamente considerate dalla maggioranza parlamentare, non potevo esimermi dal riscontrare le vostre rimostranze.Leggere di più


RECOVERY PLAN: RIMODULARE GLI INVESTIMENTI SUI PORTI

COMUNICATO STAMPA – ON.ANDREA COLLETTI (M5S) – RECOVERY PLAN: RIMODULARE GLI INVESTIMENTI SUI PORTI

“E’ necessario rimodulare gli investimenti previsti dal Recovery Plan per gli interventi previsti sulla portualità,Leggere di più


Specializzazione ed accesso alla professione Forense. Per una modernizzazione dell'avvocato e per una maggiore tutela dei diritti delle persone

Il cambiamento della realtà economica incide, e pesantemente, anche sul ruolo, la formazione e la professione dei liberi professionisti, in primis quello degli Avvocati, ovvero coloro che devono difendere i diritti delle persone e delle società in un mondo che si innova in modo così veloce.Leggere di più


PARERE NEGATIVO DALLA CONFERENZA DEI SERVIZI ALLA RICHIESTA DEL DEPOSITO GPL NEL PORTO DI ORTONA.

Deposito gpl al porto di Ortona, Grippa e Colletti (M5S): “E’ la vittoria del lavoro di tutti e della tutela del terriorio”

Finalmente la tanto attesa decisione della Conferenza dei Servizi che a distanza di 2 anni si doveva pronunciare sul procedimento per l’autorizzazione alla costruzione di un deposito gpl nell’area del porto di Ortona è arrivata esprimendo parere negativo alla rischiesta della Seastock srl del gruppo Walter Tosto.Leggere di più


RESPONSABILITÀ DEL SANITARIO: MANCATA VISITA DOMICILIARE URGENTE A PAZIENTE MALATO TERMINALE. RIFIUTO DI ATTI D’UFFICIO

La Corte di Cassazione Penale, Sezione VI, del 2 marzo 2020, n. 8377, conferma l’orientamento giurisprudenziale in base al quale il sanitario, in servizio di guardia medica, risponde del reato di rifiuto di atti d’ufficio qualora non intervenga tempestivamente alla richiesta di intervento domiciliare urgente ma si limiti alla somministrazione telefonica.

 Leggere di più


PORTO ORTONA, SOLO PROCLAMI. LA REGIONE DA MESI SENZA IL PROPRIO RAPPRESENTANTE NELL’AUTORITÀ DI SISTEMA PORTUALE

La Regione Abruzzo non è stata ancora capace di nominare il proprio delegato all’interno del comitato di gestione dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale, privando così da mesi il sistema portuale abruzzese della figura fondamentale per rappresentare i propri interessi all’interno di essa”, denuncia il deputato abruzzese M5S Andrea Colletti.

Leggere di più


DL LIQUIDITÀ: EMENDAMENTI CHE RITENGO NECESSARI

Dal 4 maggio si discuterà in Commissione il Decreto-Legge “Liquidità”. Come Deputato di maggioranza, in alcuni casi a sola mia prima firma, in altri a firma anche di altri Colleghi, ho ritenuto necessario presentare 9 emendamenti che credo possano migliorare il decreto legge e affrontare alcune questioni che probabilmente avrebbero dovuto aver risposta anche prima.Leggere di più